Sale giochi, regolamento approvato in commissione comunale

14 Marzo 2014

slot machine

Orari di apertura rigidi, non prima delle 14, e chiusura non oltre le 22, e nessuna nuova autorizzazione per sale giochi nel centro storico cittadino. La distanza minima tra le sale e le scuole o le case di riposo e i luoghi di culto non dovrà essere inferiore ai 700 metri e chi richiederà l’autorizzazione per l’apertura dovrà dimostrare di rispondere a precisi “requisiti morali”. Si rischiano in caso contrario sanzioni da 50 a mille euro. Sono alcuni dei contenuti del Regolamento per la disciplina delle sale giochi sul territorio comunale, presentato da Massimo Polledri del gruppo Lega Nord e condiviso da Tommaso Foti di Fratelli d’Italia.

Oggi il documento è arrivato in commissione consiliare (approvato con l’astensione dei consiglieri Lucia Rocchi e Guglielmo Zucconi), in vista del confronto in consiglio comunale. “Abbiamo dato mandato agli uffici di analizzare la nuova proposta, utilizzeremo per eventuali emendamenti poi l’elaborazione prodotta” ha detto il presidente della commissione, Stefano Perrucci del Pd. La Regione Emilia-Romagna, nel frattempo, ha approvato all’unanimità il Piano 2014-2016: nel documento sono previsti punti di accoglienza da attivare nelle Aziende Usl, sviluppo del marchio “Slot Free”, informazione tramite il numero verde del Servizio sanitario regionale.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà