Comune, incarichi nel mirino della Ragioneria dello Stato

18 Aprile 2014

20140417-201227.jpg

Una lunga la lista di irregolarità, più o meno gravi, è emersa durante l’ispezione eseguita nell’ottobre scorso dagli esperti della Ragioneria dello Stato in Comune a Piacenza.
Si va dal mancato rispetto del principio di riduzione della spesa del personale per l’anno 2007 all’attribuzione di incarichi dirigenziali a tempo determinato in misura percentuale superiore a quella prevista dalle norme vigenti; dal conferimento di incarichi a soggetti esterni in difformità della vigente normativa a carenze nel procedimento di valutazione del Segretario comunale per mancata assegnazione in via preventiva di specifici obiettivi; dalla mancata sottoscrizione degli accordi annuali relativi alla costituzione e ripartizione del fondo per il trattamento accessorio per il personale dirigente negli anni 2008, 2009 e 2010 alla mancata modifica del regolamento comunale in materia di conferimento di incarichi a soggetti esterni.
I rilievi interessano sia l’attuale amministrazione guidata da Paolo Dosi, sia quella del suo predecessore Roberto Reggi. Il Comune di Piacenza potrà ovviamente rispondere e difendersi, anche se è già stato chiamato a correggere e rimuovere le situazioni ritenute irregolari dagli esperti del ministero delle Finanze.

TUTTI I DETTAGLI SU LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà