A spasso con Fido: le negligenze dei padroni sporcano le vie del centro

23 Aprile 2014

CANE3

Per innamorarsi di un cucciolo e trasformarlo nel proprio migliore amico bastano pochi istanti; per accudirlo nella maniera adeguata e nel rispetto delle leggi, è necessario essere ben informati e attrezzati, prima di tutto di paletta e sacchetto.

Com’è noto sono i padroni a doversi occupare, e preoccupare, dell’igiene degli animali: un vero e proprio obbligo, pena una sanzione di 50 euro, che implica il divieto di accompagnare a spasso fido senza essere muniti di strumenti per prelevare o contenere gli escrementi. Una regola che vale anche per le strade del centro cittadino, dove le testimonianze della pigrizia dei padroni sono spesso ben evidenti, suscitando le proteste di passanti e residenti.

L’obbligo di circolare con tutto il necessario per garantire l’immediata pulizia delle zone pubbliche vale anche nelle 13 aree di sgambamento cani presenti a Piacenza.

Nel nuovo anno la polizia Municipale ha sanzionato otto cittadini, scoperti a contravvenire alle regole sulla custodia dell’animale, mente un piacentino è stato multato per la mancata iscrizione all’anagrafe canina.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà