Comune, la maledizione delle aste: deserta la procedura-bis per l’Olivetti

09 Luglio 2014

olivetti

Due aste che vanno deserte e un buco che rischia di aprirsi nel bilancio alla voce “investimenti”. Il Comune di Piacenza ha in previsione il finanziamento di oltre la metà delle opere pubbliche con il ricavato dalle vendite dei propri immobili dismessi. Ma le procedure aperte per il momento vanno male. L’amministrazione ha infatti dichiarato deserta sia la seconda gara per la vendita di Palazzo Olivetti sul Pubblico passeggio (2.8 milioni la base), sia quella per Palazzo Guglieri a Ivaccari (570mila euro di partenza). Nessuna offerta è però giunta agli uffici comunali entro i termini, quindi la richiesta economica dovrà necessariamente essere ribassata per attirare acquirenti, ammesso che in questo momento ci siano. E qualche intervento rischia di dover essere sacrificato.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà