Provincia contro il Consorzio di Bonifica: ricorso in Cassazione

15 Maggio 2015

palazzo della Provincia
“Non ci arrendiamo, procederemo fino all’ultimo grado di giudizio”. Il presidente della Provincia, Francesco Rolleri, punta dritto alla Cassazione. Così ha reagito dopo la Corte d’Appello di Bologna ha stabilito un maxi rimborso che la Provincia avrebbe dovuto dare al Consorzio di Bonifica su alcuni edifici di sua proprietà per un periodo che va dal 1990 al 1999.

Tra gli edifici esclusi dal pagamento del contributo della bonifica perché le opere del Consorzio non arrecano un beneficio diretto ci sono quelli fuori dal centro urbano come la sede della protezione civile, gli edifici scolastici Tramello e Raineri, il fondo agricolo Barattiera, la caserma dei carabinieri di Bobbio e la strada provinciale di Borgonovo e Ziano. Per questi beni l’amministrazione provinciale non è tenuta al pagamento del contributo della bonifica e quindi è stato confermata la sentenza precedente del tribunale di Piacenza. Diversa invece la situazione per gli altri immobili: tra questi, il palazzo della Prefettura, la vecchia sede dei vigili del fuoco in viale Dante, la caserma dei carabinieri e alcuni istituti scolastici, tra cui il Marconi e il Romagnosi, oltre al palazzo della Provincia di via Mazzini.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà