Arbos e Bubba, due storici marchi piacentini acquistati dai cinesi

24 Maggio 2015

Arbos

Gli storici marchi piacentini Bubba e Arbos sono stati venduti alla società cinese Foton Lovol Heavy Industry Ltd, primario costruttore di trattori agricoli. L’azienda, che sul mercato cinese vanta più del 30 per cento della quota di mercato, ha ufficializzato, grazie al ponte di Giancarlo Spezia dell’Università Cattolica, il progetto per il recupero e la valorizzazione dei due importantissimi marchi che, fino al 1994, hanno fatto la storia della meccanizzazione agricola. Il primo debutto della partnership, oggetto di un convegno e di raduno, è previsto a Milano, in zona Expo 2015, ai Giardini Polonia (ingresso est Roserio), il 27 e il 28 giugno. La Arbos, che si trovava dove oggi sorge il centro commerciale Porta San Lazzaro, era diventata caso nazionale nel 1975 quando, ritirato il gruppo americano che l’aveva acquisita poco prima, i lavoratori avevano deciso di investire la propria liquidazione rilevando loro stessi la fabbrica, dopo sei mesi di occupazione. “Impossibile dimenticare quegli anni”, ha detto l’avvocato Sandro Miglioli, al tempo presidente della grande fabbrica.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà