Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in crisi, firmato il protocollo

13 Gennaio 2016

Imprese artigiane (4)

E’ stato sottoscritto in Regione il protocollo-quadro sul sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà. Lo strumento è finalizzato a diminuire il disagio dei lavoratori beneficiari degli ammortizzatori sociali dovuto al tempo che intercorre tra l’inizio delle sospensioni dal lavoro e l’erogazione da parte dell’Inps dei trattamenti stessi.

Con il protocollo saranno attivati finanziamenti individuali da parte delle banche a costo zero e a tasso zero a lavoratori dipendenti di aziende in crisi ovvero quelle imprese che attivano ammortizzatori sociali con pagamento diretto da parte dell’Inps (aziende in fase di cessazione di tutta o di parte dell’attività produttiva sul territorio regionale, con o senza l’attivazione di procedure concorsuali, oppure aziende in situazione di grave dissesto finanziario oppure aziende che hanno attivato gli ammortizzatori sociali in deroga).

Inoltre il finanziamento è un anticipo sui trattamenti di Cassa integrazione straordinaria, in deroga e ordinaria, per imprese editrici e per i contratti di solidarietà difensivi che spettano al lavoratore per supportarlo nei periodi di temporanea assenza di reddito, in attesa di percepire da parte dell’Inps le indennità di sostegno al reddito.
Il rinnovo dell’accordo, valevole per tutto il 2016, prevede alcune modifiche rispetto al testo del 2015: è stato introdotto l’importo minimo di 100 euro per l’anticipazione e l’impegno a convocare almeno due volte l’anno il tavolo per monitorarne l’applicazione.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà