Fratelli d'Italia

Tagliaferri torna a Bologna. Soddisfazione anche da parte di Foti

27 gennaio 2020

Nella coalizione di centrodestra, nel nostro territorio si è affermata come seconda lista Fratelli d’Italia con un picco del 24% a San Giorgio dove era candidato l’ex sindaco Giancarlo Tagliaferri, 19% Gazzola, 18% a Caorso dove era candidato l’ex primo cittadino Fabio Callori e a Zerba. Forza Italia terza lista della coalizione, rispetto alle Europee è in calo, risultato migliore a Cortemaggiore con il 7% (il sindaco Gabriele Girometta è commissario provinciale del partito).

Sicuro di aver conservato lo scranno in Consiglio regionale, grazie alle 3.661 preferenze ottenute in queste elezioni regionali, Giancarlo Tagliaferri di Fratelli d’Italia ha commentato positivamente il risultato ottenuto dal centro-destra a livello provinciale. “Ha pagato la coerenza – ha esordito. – Si tratta di un risultato eccezionale, che consente di mantenere Piacenza in una solida posizione in regione. Come membro di Fratelli d’Italia mi sento di dire che siamo i veri interpreti di quello che pensa e vuole la gente del nostro territorio, e questo l’ho scoperto stando in mezzo alla gente e ascoltando le varie esigenze dei piacentini”.

Non si è fatto attendere il commento di Tommaso Foti, deputato di Fratelli d’Italia: “Il risultato ottenuto a livello provinciale – ha affermato – non è stato, per me, una sorpresa. Chi frequenta il territorio sa da che parte batte il vento, e quali sono le opinioni dei piacentini. A livello regionale, invece, c’è da dire che Bonaccini ha condotto una campagna elettorale coraggiosa, mettendosi la faccia fino in fondo nobilitando e galvanizzando nuovamente una piazza, quella della sinistra, che non era più abituata a questo impegno. Il movimentalismo ha pagato”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza

NOTIZIE CORRELATE