Ciammarughi: “Giovani musicisti, sfruttate il web per farvi conoscere”

31 Gennaio 2020

Ad una prestigiosa carriera concertistica e discografica coniuga un altrettanto  brillante attività di divulgazione musicale nelle trasmissioni radiofoniche e nei libri. Da più di 10 anni è quotidianamente in onda su Radio Classica, dove la sua trasmissione “Il pianista” un punto di riferimento nel panorama divulgativo della musica classica in Italia. Chi meglio di Luca Ciammarughi (“musicista inusuale”, come ama definirsi) può illustrare  le svariate possibilità offerte dall’universo digitale, veicolo di nuove modalità di comunicazione anche nel campo della musica classica ma soprattutto di nuove prospettive di lavoro per i giovani musicisti.

Il pianista, critico musicale, blogger e conduttore radiofonico è stato il secondo protagonista di “Incontri in [email protected] 2020”, rassegna dedicata alle novità editoriali, discografiche e alla musica dell’era digitale promossa dal Conservatorio Nicolini di Piacenza.

“Scrivere e fare divulgazione sul web – ha spiegato Ciammarughi -, così come raccogliere un buon numero di seguaci, permette di creare un seguito, che può essere un’ottima occasione per farsi notare da riviste specializzate e istituzioni musicali. In poche parole lavorare sul web non significa disconoscere le vecchie modalità, ma affiancare quelle tradizionali qualcosa di nuovo. Ai giovani consiglio di seguire sempre le proprie passioni e di darsi molto da fare. Inoltre ricordo loro che oltre alla carriera solistica e di musicista c’è anche la possibilità di intraprendere una carriera più versatile, dedicandosi a professioni che possono affiancarsi a quella del musicista: penso al conduttore radiofonico, divulgatore, conferenziere, fotografo per riviste e tanto altro ancora. La musica – ha concluso – più che un mestiere è una sensibilità, e quindi può essere vissuta in tanti modi diversi”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà