Deputata

Murelli sospesa dalla Lega. “Inopportuno prendere il bonus”

13 agosto 2020

L’indiscrezione che circolava da giorni è stata confermata alle 19 di ieri sera, mercoledì 12 agosto. La deputata piacentina Elena Murelli della Lega ha richiesto e incassato il bonus da 600 euro destinato alle partite Iva e ai lavoratori autonomi per l’emergenza Covid. Murelli è stata sospesa dal partito insieme al collega mantovano Andrea Dara.
“Non hanno violato alcuna legge, ha scritto il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari, ma “è inopportuno che parlamentari abbiano aderito a tale misura. Per questa ragione abbiamo deciso e condiviso con i diretti interessati il provvedimento della sospensione. È comunque incredibile che i vertici dell’Inps non abbiamo versato ai lavoratori che aspettano da marzo quanto dovuto e che abbiano invece versato a chi non era in difficoltà. In qualsiasi altro paese i parlamentari sarebbero stati sospesi ma il presidente dell’Inps sarebbe stato licenziato”.
In base allo statuto della Lega la sospensione si può applicare “fino a un massimo di 10 mesi con eventuale decadenza delle cariche interne ed esterne ricoperte” Va da sé che l’iscritto sospeso non può candidarsi con il simbolo in caso di elezioni. E’ possibile che nel periodo di sospensione, Murelli e Dara debbano transitare nel Gruppo Misto.
Murelli alterna l’attività di consulente in finanziamenti europei a quella di docente a contratto all’Università Cattolica. Nella Lega dal 2001 è parlamentare dal 2018. Lo scorso anno ha dichiarato un reddito totale di 106.309 euro. Fino ad ora Murelli non ha rilasciato dichiarazioni.
Dara è un piccolo imprenditore del settore tessile. Nel 2019 ha dichiarato redditi per 109mila euro.  Domani il presidente dell’Inps Pasquale Tridico parlerà in audizione in videoconferenza alla Commissione lavoro di Montecitorio.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza