Giornata mondiale del teatro. Da Teatro Gioco Vita un video sui social: “Ci mancate”

27 Marzo 2021


“I teatri sono come le case, per vivere devono essere abitati e condivisi”. E’ solo una delle tante belle, rapide, ma sentite e urgenti frasi che Teatro Gioco Vita ha raccolto e diffuso in un video pubblicato sui social per celebrare la Giornata mondiale del teatro, 27 marzo. Decine di volti, una voce sola: “viva il teatro!”.
Nel video, insomma, c’è un mosaico di persone, lavoratori e collaboratori del centro teatrale piacentino che proprio in questo 2021 ancora così nefasto per le scene taglia il ragguardevole e altamente simbolico traguardo dei 50 anni di attività. Ciascuno ha prodotto il proprio piccolo “video-selfie” per dire il proprio ruolo, ricordare la propria arte e mestiere. Il riflesso di una “grande famiglia”.
Diego Maj è il primo ad apparire, nell’ufficio di via San Siro, là dove un libro su un leggio azzurro, in strada, accoglie ogni giorno pensieri cari da parte del pubblico di passaggio. Compaiono i figli Maddalena e Jacopo Maj. Ci sono Simona Rossi, ufficio stampa e teatro-ragazzi, il suo braccio destro Emma Chiara Perotti. Il regista Fabrizio Montecchi, la responsabile di compagnia Nicoletta Garioni, tante testimonianze d’attori, tra cui la piacentina Letizia Bravi: “noi ci siamo, ma voi ci mancate”.
Dunque, molti volti più o meno noti al pubblico, ma la cosa bella è che nel video parlano anche coloro che pur non facendosi normalmente vedere sono altrettanto essenziali al funzionamento della macchina teatrale. Amministrazione, uffici, tecnici, organizzazione, maschere, sarta, drammaturga, compositore. Tutti desiderano l’accesso alla cultura “perché ci rende liberi, ci aiuta a ragionare”. Tutti soffrono, coi teatri chiusi, ma più di tutti soffre un tragicomico Jacopo Maj che si finge rinchiuso da un anno all’interno del Teatro Filodrammatici. Un pizzico d’ironia per stemperare le difficoltà, e una nota di buon auspicio da Diego Maj: “ci rivediamo questa estate”.

https://youtu.be/m2uEEQ52on8

© Copyright 2021 Editoriale Libertà