Le “jam session” del sax di Bertozzi all’Elfo Studio per lenire la voglia di “live”

10 Maggio 2021


“Non ce la facevamo più senza suonare. Nulla può sostituire un concerto ma realizzare un live in studio, pur senza pubblico, è stato liberatorio e salvifico”. C’è una motivazione semplice e chiara, urgente e pura alla base delle prelibate “Electric jam session” registrate dal saxofonista piacentino Alessandro Bertozzi all’Elfo Studio di Alberto Callegari a Tavernago.

Un regalo (sulle sue pagine Facebook e YouTube) per tutti i buongustai, una manciata di brani “standard”, ricchi di belle ispirazioni e di una comunicativa trascinante, nel pieno stile jazz/funk/fusion che da sempre contraddistingue il suo linguaggio. Sono in tutto una decina di pezzi. Sono già usciti “Stella by starlight”, “Night in Tunisia”, la celeberrima “Over the rainbow” e la più elettrica “Footprints”. “Pubblico un nuovo brano suppergiù ogni due settimane – spiega Bertozzi – e devo dire che se noi ci siamo divertiti parecchio, dai riscontri che arrivano è lo stesso per chi guarda e ascolta, sono contento”.
Un suono inconfondibile grazie anche alla presenza di alcuni eccellenti amici e colleghi che da tanti anni contribuiscono alle produzioni musicali del nostro, ovvero Lorenzo Poli al basso elettrico, Marco “Nano” Orsi alla batteria, Luca Meneghello alla chitarra elettrica e Andrea Pollione alla tastiera.

IL SERVIZIO COMPLETO DI PIETRO CORVI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà