Emilia Romagna da lunedì in zona bianca, attesa per la firma. Cosa si potrà fare

11 Giugno 2021

Manca solo l’ufficialità ma la firma del ministro della Salute Roberto Speranza per l’ingresso della Regione Emilia Romagna in zona bianca, che dovrebbe arrivare in giornata, sembra ormai certa. A quel punto il decreto avrà decorrenza lunedì 14 giugno, con un abbattimento di varie limitazioni , anche se non tutte.

Per entrare in zona bianca bisogna avere un numero di casi per 100mila abitanti inferiore a 50 per tre settimane di seguito. Tutte le Regioni italiane sono ampiamente sotto questa soglia e per 13 dovrebbe scattare il cambio di colore.
“Segnali confortanti dal punto di vista dell’andamento della curva pandemica, li ha definiti ieri il ministro, che oggi ha confermato che altre Regioni entreranno in zona bianca” -, e l’ultimo dato disponibile per l’Emilia Romagna, che verrà valutato oggi dalla Cabina di regia, è di 21,5 casi ogni 100mila abitanti.

COPRIFUOCO, MASCHERINE E DISTANZIAMENTO – Con l’ingresso in area bianca decadranno varie restrizioni, compreso il coprifuoco a mezzanotte, ma non tutte. Rimangono infatti obbligatori sia l’utilizzo della mascherina all’aperto che il distanziamento.

SPOSTAMENTI – Sarà possibile spostarsi verso altre località in zona bianca senza limiti di orario, mentre per comprovate motivazioni di lavoro, di salute o di necessità ci si potrà spostare verso ogni altra località.

BAR E RISTORANTI – I bar e i ristoranti all’aperto non saranno più soggetti a limitazioni nel numero di persone ai tavoli, mentre per quelli al chiuso rimarrà il limite di sei persone a tavolo. Sarà prevista una deroga nel caso si tratti di due nuclei familiari.

BANCHETTI – Via libera ai banchetti per i matrimoni, purché tutti gli invitati presentino all’ingresso il green pass.

SPORT E ATTIVITA’ – Via libera a piscine coperte, centri benessere, parchi a tema, sale gioco, centri sociali e culturali.

Coronavirus: le misure in Emilia-Romagna

© Copyright 2021 Editoriale Libertà