L’arte come opportunità di lavoro per i disabili: convegno dai Manicomics

19 Settembre 2021

Esposizioni e performance, con il messaggio che l’arte può diventare un mezzo di libertà sociale e di accesso al mondo del lavoro per i disabili. Tutto questo al convegno intitolato “L’arte, gli outsider tra storia e presente” organizzato da Manicomics in collaborazione con Asp Città di Piacenza e tenuto sabato 18 settembre nello spazio Manicomics di via Scalabrini.

Come ha spiegato Eugenio Caperchione, amministratore unico Asp Città di Piacenza, che ha introdotto la giornata di approfondimento, “non si pensa che i disabili possano avere capacità espressive e realizzare arte, invece uno sguardo attento a queste persone può scoprire tantissimo”.

Rolando Tarquini di Manicomics ha quindi aggiunto che “ci sono tante associazioni che hanno aderito a questa giornata, si lavora per i giovani attraverso l’arte, in questo modo li si fa entrare nel mondo del lavoro anche se ci sono dei problemi”.

Tra i progetti illustrati, c’è anche quello dell’Associazione Fuoriserie di Veronica Cavalloni: “Ci occupiamo di arte e di salute mentale, abbiamo un atelier all’interno degli spazi del dipartimento di salute mentale dove i nostri artisti, una ventina circa, alcuni dei quali hanno avuto contatto con la fragilità mentale, passando nell’associazione si occupano di progetti lavorativi nel campo dell’arte e dell’outsider art, facciamo arte e diffondiamo questo tipo di cultura”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà