Consiglio comunale, tensione sulle tasse. Pd: “La giunta Barbieri punta sulle multe”

15 Marzo 2022

Dopo il via libera a un lieve aumento dell’addizionale Irpef per i redditi superiori a 50mila euro, ieri in consiglio comunale si è aperta la seduta fiume sul bilancio di previsione 2022. A illustrare la manovra è stato l’assessore Paolo Passoni.

Il dibattito si è acceso con l’intervento dell’esponente di minoranza Roberto Colla (Piacenza Più), secondo cui “la prossima amministrazione dovrà mettere mano alle leve fiscali” a causa di una serie di maggiori spese a cui l’ente andrà incontro, come il costo della materia prima – ha proseguito Colla – o il ripiano del deficit dell’Asp, fino alle manutenzioni straordinarie degli impianti sportivi. Ma la maggioranza di centrodestra ha subito rimarcato che “la politica di bilancio di questo mandato è stata all’insegna dell’invarianza della pressione tributaria e delle tariffe dei servizi”.

Da parte di Christian Fiazza e Giulia Piroli (Pd), poi, una sferzata alla giunta Barbieri sull’aumento delle sanzioni della polizia municipale messo in conto nel bilancio di previsione. “Nel 2021 – incalza Fiazza – il Comune aveva chiesto agli agenti di provvedere all’emissione di multe per un totale di quattro milioni e 500mila euro, di cui tre milioni e 300mila accertati e solo un milione e 600mila euro incassati davvero, mentre quest’anno l’entrata prevista registra un incremento di 300mila euro, ovvero quattro milioni e 810mila euro. La polizia municipale non è un corpo di gabellieri”.

La discussione in consiglio proseguirà nei prossimi giorni, con l’approvazione dell’ultima manovra della giunta Barbieri da 210 milioni di euro.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà