La siccità, la crisi idrica e le sue ripercussioni finiscono “Nel mirino” su Telelibertà

18 Marzo 2022

Cento giorni senza piogge significative e con temperature ampiamente sopra la media. Se ne parlerà stasera insieme ad esperti e addetti ai lavori, come sempre in prima serata alle 21 a “Nel mirino”, il format di attualità condotto dal direttore Nicoletta Bracchi in onda su Telelibertà e in “live streaming” sul nostro sito Liberta.it.

Ci sarà il geologo Meuccio Berselli, segretario generale dell’Autorità bacino distrettuale fiume Po – MiTE. Interverrà il presidente del Consorzio di bonifica di Piacenza, Luigi Bisi. Sul fronte dell’agricoltura, il settore attualmente più allarmato dalla crisi idrica, saranno presenti il presidente di Terrepadane, Marco Crotti; il funzionario di Coldiretti Piacenza, Riccardo Piras; il presidente di Confagricoltura Piacenza, Filippo Gasparini.

Il fiume Po è come a luglio, gli affluenti ai minimi storici: non succedeva da decenni. La straordinaria siccità che da mesi colpisce soprattutto Nord Ovest, Pianura Padana e il nostro territorio, diventa un fenomeno sempre più grave: per l’agricoltura e le ripercussioni su produzione e consumo, per il comparto idroelettrico e l’intero sistema irriguo, sin quasi a minacciare i flussi d’acqua potabile dei nostri rubinetti. La preoccupazione sale perché, stando alle previsioni di medio termine, la situazione potrebbe protrarsi sino a fine mese.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà