“Armonie di pace”, sabato a Palazzo Gotico musiche e danze contro le guerre

05 Maggio 2022

Da un’idea del Coro “InCanto Libero” nasce “Armonie di Pace”, evento che si terrà sabato 7 maggio alle 20.45 presso il salone monumentale di Palazzo Gotico. Si tratta di un momento di riflessione che ha come temi specifici la pace e l’accoglienza, come contraltare ai tanti conflitti presenti nel mondo, molti dei quali purtroppo dimenticati.

“L’attuale guerra in corso in Ucraina ha purtroppo generato danni enormi alla popolazione, in particolare a quella più debole composta da donne e bambini – fa sapere l’assessorato alla Cultura -. Piacenza ha subito fornito risposte inviando aiuti di prima necessità e si sta ora adoperando per gestire l’accoglienza delle persone costrette a fuggire dalla guerra; come Comune abbiamo voluto dare la più ampia collaborazione a questo evento volto alla pace, ai valori della fede e della condivisione”.

“Noi vogliamo riappropriarci di questo ricordo, perché, come diceva don Tonino Bello, all’origine di ogni guerra c’è la dissolvenza dei volti – aggiunte Roberto Antenucci, medico fisiatra, tra i promotori dell’evento -: il messaggio che intendiamo lasciare è quello di ricostruire questi volti con la forza delle relazioni, quindi l’arte e la musica, per recuperare una società più fraterna e un mondo finalmente libero dalla guerra, ma ciò è attuabile solo se ciascuno di noi si responsabilizza a tal punto da diventare nella propria vita e nei luoghi in cui vive un vero Costruttore di Pace”.

Si esibiranno due cori, “InCanto Libero” diretto dal maestro Cristian Bugnola e “Spirit Gospel Choir”. Sarà presente anche una giovane ospite a sorpresa che aprirà il concerto; sul palco ci saranno due danzatrici con la loro performance “Snodi” e la testimonianza di suor Milva, Madre Superiora delle suore Scalabriniane che hanno dato ospitalità a donne e bambini ucraini profughi nella loro casa madre a Casaliggio. E poi la lettura sul tema della pace tratto dal Diario di Etty Hillesum, scrittrice olandese ebrea vittima dell’Olocausto a soli 29 anni: il brano non è riferito solo all’Ucraina, considerato che attualmente sono 34 le guerre in corso nel mondo.

La serata – realizzata  in collaborazione con il settimanale della Diocesi “Il Nuovo Giornale” e con il Lions Club Piacenza Il Farnese, oltre al Comune di Piacenza – sarà presentata dalla giornalista Barbara Sartori.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà