Cugini: “Nati per sconfiggere la destra cupa e reazionaria, non vogliamo poltrone”

18 Giugno 2022

Una scelta di campo netta, per garantire i prossimi anni di amministrazione a un centrosinistra non di facciata: la richiesta di Alternativa per Piacenza a Katia Tarasconi, in corsa per aggiudicarsi la poltrona più importante di palazzo Mercanti. L’assemblea, riunita al teatro Trieste 34, ha conferito il mandato a Stefano Cugini di sondare con la candidata del centrosinistra quanto del Libro giallo – punto di riferimento di App – possa diventare patrimonio condiviso.

“Alternativa per Piacenza nasce per sconfiggere la destra cupa e reazionaria, per riunire il centrosinistra e rappresentare chi è più in difficoltà – ha detto Cugini – da questi principi non ci siamo mai mossi. Abbiamo la fiducia di più di 4.000 persone da ripagare. Diamo voce a una sinistra ecologista, popolare, inclusiva e lo faremo con scelte chiare, motivate e coerenti. I due programmi nascono da un lungo tratto di lavoro comune. Avremmo considerato l’apparentamento formale in quanto massima garanzia della buona fede di riprendere un percorso interrotto, con un’apertura di credito al governo partecipato della città”.

Cugini sottolinea: “No a dinamiche da vecchia politica, non ci interessano poltrone in giunta. Il nostro posto è il consiglio comunale, che avremmo desiderato presidiare con numeri diversi. Abbiamo dovuto constatare che per il segretario Pd, mai smentito, l’apparentamento sarebbe invece “suicida”. Addirittura. Per noi è “suicida” ridare vigore alla destra uscita tramortita dal primo turno. Non capiamo, coltivando ancora spinte ideali, la continua ricerca dei voti in campo avverso quando tra l’elettorato di App ci sono i numeri per vincere e dovrebbe esserci quel cuore tanto protagonista in campagna elettorale. Purtroppo “il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce”. O forse si”. chiosa Cugini.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà