Tanti ordini, ma lavoratori in mutua. Cignatta: “Preoccupa l’aumento dei contagi Covid”

12 Luglio 2022

Non è ancora allarme ma poco ci manca. In un’estate piena di ordinativi e di attivismo produttivo l’industria, l’artigianato, ma anche molti uffici e servizi essenziali guardano con preoccupazione alla crescente galoppata dei contagi che manda tanti lavoratori in malattia e impoverisce le catene produttive e la forza lavoro, per fortuna si tratta di malattia non grave, ma sufficiente a togliere energie ad uno slancio favorevole in molti settori che non si sa quanto potrà durare.

“E la controprova – sottolinea Andrea Cignatta, neo segretario territoriale della Uil – è nel fatto che quest’estate invece della chiusura canonica di due settimane ad agosto molte imprese hanno scelto di chiudere una sola settimana. Il lavoro c’è, potrebbero mancare i lavoratori. Dal fronte industriale e sindacale viene confermata la preoccupazione per l’inatteso aumento di contagi Covid che, per quanto meno gravi, impattano sull’economia”.

TUTTI I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI PATRIZIA SOFFIENTINI SU LIBERTA’

© Copyright 2022 Editoriale Libertà