La Pizza+1 replica a Cgil: “Sempre operato nel rispetto degli accordi”

04 Ottobre 2022

La Pizza+1 replica in una nota a quanto affermato da Cgil che ha annunciato lo sciopero per la giornata di venerdì nello stabilimento di Gariga. In base a quanto riferito ieri dal sindacato, 147 lavoratori avrebbero un contratto diverso rispetto a quello della loro mansione effettiva.

Oggi è arrivata la nota della direzione dell’azienda. “La Pizza+1 – si legge nel comunicato – con la presente respinge totalmente quanto asserito nel comunicato stampa del 4 Ottobre 2022, riservandosi di agire per vie legali nei confronti degli enti promotori delle affermazioni pubblicate.  La Pizza + 1 ha sempre operato nel rispetto degli accordi commerciali intrapresi che mai hanno riguardato applicazioni contrattuali ad essa non spettanti e ha continuato ad agire in un percorso virtuoso che vede nel prossimo periodo un piano di assunzione per circa ulteriori 20 persone.
In un momento macro economico cosi difficoltoso La Pizza +1 ha cercato con tutte le proprie forze di salvaguardare l’impiego di tutti i lavoratori continuando a sacrificare le proprie marginalità a favore dell’occupazione.
Negli ultimi 2 anni La Pizza+1 ha infatti assunto ben 30 persone contribuendo in maniera importante alla valorizzazione del territorio ed alla sua stabilità.
Oggi siamo costretti, dopo aver riscontrato gravi inadempienze da parte della società appaltatrice, a dissociarci completamente dagli accordi commerciali concordati, dovendo dare evidenza, senza polemica alcuna ma per correttezza, che tali rivendicazioni sindacali sono state fino ad oggi avallate dalle stesse sigle sindacali che le contestano.
La Pizza + 1 pertanto, respinge al mittente qualsiasi richiesta non essendo in alcun modo parte in causa di quanto sostenuto.
La Pizza+1 proseguirà invece il proprio percorso, favorendo il dialogo e la collaborazione costruttiva con tutte le forze in campo, con la consapevolezza di poter contribuire anche, in un momento così difficile, alla crescita del proprio territorio”. 

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà