Addio a De Lorenzi, guidò per 30 anni il teatro Municipale di Piacenza

18 Ottobre 2022

De Lorenzi riceve il premio Illica a Castell’Arquato

È stata una colonna storica del Teatro Municipale, Pierluigi De Lorenzi. La notizia della sua scomparsa è giunta ieri portando un velo di tristezza in tutti coloro che lo hanno conosciuto.

De Lorenzi è stato alla guida del Municipale ben prima che nascesse la Fondazione Teatri di Piacenza, e ancor prima che la Toscanini di Gianni Baratta da Parma approdasse alla guida del nostro teatro. Eppure per trent’anni – il 1996 è stato l’anno della pensione, quando gli succedette Massimo Tirotti – Pierluigi De Lorenzi ha saputo imbastire stagioni liriche e concertistiche dal respiro internazionale, puntando sempre sulla qualità degli artisti e riscuotendo grande successo.

Del resto, tra le sue passioni – oltre allo sport – c’è sempre stata la musica e la lirica in particolare: “Le mie preferenze vanno a “Traviata”, “Rigoletto”, “Macbeth”, “Nabucco”, “Simon Boccanegra”… insomma Verdi è una stella polare, ma anche Donizetti e, via via, tutti gli altri – dichiarò in un’intervista a “Libertà” -. Il brano che amo di più, però, è “La preghiera del Mosè” di Rossini”.

I dettagli nell’articolo di Eleonora Bagarotti su Libertà

 

© Copyright 2023 Editoriale Libertà