“Tempi e volti di una comunità”: alla mostra su Prospero 10 mila visitatori

15 Novembre 2022

Oltre 10mila persone hanno visitato la mostra “Prospero Cravedi – Tempi e volti di una comunità”, sostenuta dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano e allestita da settembre fino a domenica scorsa negli spazi dell’ex convento di Santa Chiara sullo stradone Farnese.

La mostra di Cravedi ha incuriosito, divertito e commosso una città che in quelle immagini in bianco e nero si è riconosciuta. Curata dal professor Paolo Barbaro, docente dell’Università di Parma, “Tempi e volti di una comunità” ha proposto duecento scatti realizzati tra gli anni cinquanta e settanta. Un racconto fotografico appassionato di un pezzo importante della storia piacentina, italiana, ma soprattutto di un’idea di umanità senza confini: lo sport, la città e il territorio, le piazze e l’impegno civile, il Po e l’Africa, i ritratti femminili, i volti celebri. Immagini che hanno preso corpo e voce, nella saletta a fianco del percorso espositivo, grazie ad una serie di incontri collaterali con i protagonisti e i testimoni di quegli anni.

Per la sua capacità di raccontare la storia locale, intercettando i temi sociali e politici nazionali e internazionali (il costume, gli stili di vita, gli anni di contestazione) la mostra ha saputo coinvolgere anche le generazioni più giovani, anche grazie ad una nutrita partecipazione degli istituti scolastici di ogni ordine e grado: per gli studenti è stata uno strumento per confrontarsi con la storia recente di Piacenza, ma anche con un modo di creare immagini assai distante da quello digitale di oggi.

Cravedi, scomparso nel 2015, ha lasciato un archivio sterminato di oltre un milione di negativi, frutto di una vita di lavoro. Questa appena chiusa in Santa Chiara rappresenta solo la prima delle iniziative, rivolte al grande pubblico, pensate per ripercorrerne l’attività.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà