Si avvicina il “ventesimo” Jazz Fest. Primo big il chitarrista americano Mike Stern

20 Gennaio 2023

Dopo l’edizione “reloaded” autunnale del nefasto 2020 e le ultime due tornate mantenute nel periodo ottobre-novembre, per il “Piacenza Jazz Fest” è tempo di tornare agli storici standard primaverili. Possiamo anticipare per ora che la ventesima edizione partirà il 4 marzo come sempre dallo Spazio Rotative di Libertà per concludersi probabilmente il 18 aprile, inclusa una piccola pausa pasquale.

Classe 1953, sangue bostoniano, il chitarrista e compositore Mike Stern, tra i più grandi della sua generazione nel mondo anche oltre i confini della musica jazz con oltre 40 anni di carriera sulle spalle, 5 nomination ai Grammy Awards e un passato accanto anche a Miles Davis, è il primo nome magistrale che trapela nell’attesa di conoscere l’intero cartellone. Si esibirà in quintetto (una band superlativa) al Teatro President di via Manfredi il 6 aprile e si annuncia sin da ora come uno degli appuntamenti clou.

Stern approderà al President con la moglie di sangue tedesco Leni Stern all’altra chitarra, alla n’goni (chitarra tradizionale africana) e voce; Bob Franceschini al sax; Chris Minh Doky al basso e l’iconico Dennis Chambers alla batteria, un’altra gemma da non lasciarsi scappare, rinomatissimo nel mondo in ambito funk e fusion, pur suonando ogni genere ai massimi livelli.

E in tema di Jazz Fest, il mese di febbraio al Milestone, il locale live del Piacenza Jazz Club, sarà dominato dalle finali del XX Concorso nazionale “Bettinardi”, da sempre collegato al festival. Sabato 4 febbraio spazio ai solisti, l’11 ai gruppi, il 18 ai cantanti.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà