“Nel Mirino”: sull’idrogeno Piacenza sonnecchia. Appello alle realtà del territorio

24 Febbraio 2023

Quella dell’idrogeno è una partita che stiamo già perdendo? C’è ancora tempo per recuperare, ma le aziende piacentine in questo momento stanno dimostrando di non approfittare dei vantaggi che potrebbe portare questa fonte di energia. L’appello alle realtà del nostro territorio è arrivato ieri sera nel corso dell’ultima puntata di “Nel Mirino” andata in onda su Telelibertà. Ospiti del direttore Nicoletta Bracchi, e incalzati dalle domande del giornalista Thomas Trenchi, l’assessore regionale allo sviluppo economico Vincenzo Colla, il vicepresidente di Confindustria e amministratore delegato di Paver-Protim-ReAir Nicola Parenti, Susanna Curti di Confapi Industria e vicepresidente Gas Sales Energia, e l’amministratore unico di Piacenza Expo Giuseppe Cavalli.

Soprattutto quest’ultimo ha evidenziato come le aziende locali stiano “sonnecchiando” troppo sull’argomento, senza peraltro approfittare della fiera sull’idrogeno in programma a Piacenza Expo dal 17 al 19: “Un evento molto importante che abbiamo ripresentato, quest’anno raddoppierà perché c’è tanto interesse, a oggi abbiamo già 100 espositori che parteciperanno. La nostra provincia ha però 250 aziende che lavorano in questo settore e purtroppo finora se ne sono iscritte solo tre, è una possibilità che dovremmo sfruttare meglio. Pensiamo al fatto che un euro investito in fiera sono otto euro che si riversano sul territorio grazie all’indotto, abbiamo avuto patrocini da decine di associazioni e dal Ministero, è un’opportunità che non possiamo lasciarci scappare”.

Anche la Regione Emilia Romagna, come ha spiegato Colla, si sta muovendo in questa direzione e ne è la dimostrazione “il recente bando che si è concluso con tre proposte importanti, volevamo dimostrare che è possibile e fattibile investire nell’idrogeno per una cifra complessiva di 19.5 milioni. Un progetto riguarda il recupero di un’area dismessa dell’ex Eridania a Sarmato per realizzare anche una stazione di rifornimento. La Regione investe sulla diversificazione delle fonti, ma io sono un amante dell’idrogeno perché è l’energia più pulita”. Secondo Parenti l’idrogeno sarà il futuro “perché è l’unico combustibile che brucia, ma senza emissioni, e soprattutto lo possiamo immagazzinare nei momenti migliori, dobbiamo continuare a investire perché è importante per l’industria pesante che in questo modo potrà essere sostenibile”.

Da sempre in primo piano nel settore energetico, anche Gas Sales si sta attrezzando per mettere in campo iniziative che, come ha concluso Curti, “sono ancora pionieristiche, ma in questo modo e con il sostegno della Regione possiamo coinvolgere anche le realtà più periferiche. Un tema che interessa molto a noi è quello dello stoccaggio, servono agevolazioni e un sistema efficiente per tutte le aziende. Noi crediamo molto in queste fonti di energia pulite, recentemente abbiamo investito in una startup che avrà base in Emilia Romagna sulla fermentazione biologica a matrice zuccherina”.

È possibile rivedere la puntata su teleliberta.tv

© Copyright 2023 Editoriale Libertà