Questa volta la rimonta è del Fiorenzuola di un super Bruschi, Lecco ko

03 Ottobre 2021

Fotroservizio Mauro Del Papa

Dopo le rimonte subite con Seregno e Padova, questa volta il Fiorenzuola si gusta una dolce rivalsa infliggendo al Lecco il terzo ko stagionale. Il 2-1 maturato al Comunale vale invece il secondo successo per i rossoneri che, dopo l’iniziale svantaggio firmato Enrici a metà primo tempo, ha saputo rialzare la testa con il suo uomo migliore, Bruschi, autore del gol del pari in chiusura di prima frazione. Nella ripresa, dopo alcuni pregevoli interventi di Battaiola, i valdardesi passano all’incasso dopo la mezz’ora: il fallo di mano in piena area di Lora vale il secondo giallo per il lecchese ma soprattutto il rigore che Tommasini scaraventa alle spalle di Pissardo per un successo pesantissimo sul piano della classifica, ma anche del morale rossonero.

Tabbiani cambia: prima da titolare per Guglieri che si disimpegna sul versante mancino al posto di Dimarco, Palmieri in panchina con Currarino mezz’ala mancina. In attacco, con Bruschi e Manona, c’è Oneto a fungere da centravanti.

IL TABELLINO
FIORENZUOLA-LECCO 2-1
FIORENZUOLA (4-3-3): Battaiola; Potop, Ferri, Cavalli, Guglieri (dal 33’ s.t. Dimarco); Nelli (dal 17’ s.t. Esposito), Zaccariello, Currarino (dal 40’ s.t. Godano); Mamona, Oneto (dal 1’ s.t. Tommasini), Bruschi (dal 33’ s.t. Palmieri). All. Tabbiani (Burigana, Olivera, Maffei, Giani, Cavalli, Arrondini, Danovaro). All. Tabbiani.
LECCO (3-4-3) Pissardo; Celjak, Marzorati (dal 9’ s.t. Battistini), Enrici; Masini, Lora, Kraja (dal 23’ s.t. Giudici), Zambataro; Iocolano (dal 38’ s.t. Lakti); Petrovic (dal 9’ s.t. Mastroianni) , Ganz (dal 23’ s.t. Tordini). (Ndiaje, Galli, Di Munno, Merli Sala, Reda, Bia, Buso). All. Zironelli.
ARBITRO Rinaldi di Bassano del Grappa
RETI: Enrici al 25’ e Bruschi al 45’ p.t.; Tommasini su rigore al 37’ s.t.
NOTE Ammoniti Potop, Bruschi, Celjak e Palmieri. Espulso Lora al 35’ s.t. per somma di ammonizioni. Angoli 5-6.

LA CRONACA
Gara che si mantiene su buoni ritmi in avvio con il Lecco che dà l’impressione di essere assai ispirato con i suoi assi d’attacco, Ganz e Iocolano su tutti. Fiorenzuola che però riesce a contenere con ordine, tentando anche alcune ripartenze che però non sortiscono effetto. Al 25’ però, la prima svolta della gara: su un traversone da destra, Ganz tenta la conclusione che si trasforma invece in assistenza per Enrici che, in spaccata, buca Battaiola. La reazione fiorenzuolana si materializza al 30’: prima una fucilata di Bruschi dai trenta metri e un minuto più tardi un piatto destro dal cuore dell’area di Potop, trovano un super Pissardo, bravissimo a respingere entrambe le conclusioni piacentine. Molto ispirato Bruschi che ci riprova in due circostanze prima del termine della prima frazione: prima Pissardo blocca, ma sul secondo tentativo, dopo un’azione centrale solitaria, l’attaccante ha trovato il gran gol che rimette in carreggiato il Fiorenzuola. Destro di leggero esterno e pallone in fondo al sacco.

Nonostante una prova discreta, Tabbiani toglie dalla contesa Oneto e inserisce il più fisico Tommasini. Ma è ancora Bruschi il protagonista che, al 5’, si libera al tiro sul versante mancino dell’attacco dopo una lunga serie di finte, mira sballata, ma applausi per l’ex Parma. Mister Zironelli allora cambia: fuori Petkovic e Marzorati, dentro due ex Pro Piacenza come Mastroianni e Battistini. Risultati immediati al 13′ con una doppia opportunità per il Lecco: traversone da destra per Masini che scarica un gran destro sul quale Battaiola compie un intervento da campione e si ripete sul tap-in di Lora che esalta i riflessi del portiere piacentino. Risposta piacentina affidata a chi? Il solito Bruschi, innescato da Currarino, entra in area e, dopo la sterzata, gran destro ma pallone altissimo da ottima posizione. Si giunge alla mezz’ora con Tabbiani costretto a un doppio cambio: dentro Dimarco per Guglieri, ma è Bruschi ad alzare bandiera bianca per un guaio a una caviglia. Sostituzione che si rivela provvidenziale di lì a poco visto che sulla conclusione di Palmieri in piena area, Lora respinge con un braccio: calcio di rigore sacrosanto e secondo giallo per il giocatore lombardo che lascia i suoi in dieci. Dal dischetto è Tommasini a firmare il primo gol stagionale che vale il sorpasso ai danni del Lecco. In inferiorità numerica, la squadra di Zironelli non riesca a impensierire più di tanto la difesa piacentina e per il FIorenzuola, dopo il successo all’esordio con la Feralpisalò, è di nuovo tempo di festeggiare tre punti vitali in chiave salvezza.

Prossimo impegno, domenica prossima sul campo del Trento. della frazione.

Gara che si mantiene su buoni ritmi in avvio con il Lecco che dà l’impressione di essere assai ispirato con i suoi assi d’attacco, Ganz e Iocolano su tutti. Fiorenzuola che però riesce a contenere con ordine, tentando anche alcune ripartenze che però non sortiscono effetto. Al 25’ però, la prima svolta della gara: su un traversone da destra, Ganz tenta la conclusione che si trasforma invece in assistenza per Enrici che, in spaccata, buca Battaiola. La reazione fiorenzuolana si materializza al 30’: prima una fucilata di Bruschi dai trenta metri e un minuto più tardi un piatto destro dal cuore dell’area di Potop, trovano un super Pissardo, bravissimo a respingere entrambe le conclusioni piacentine. Molto ispirato Bruschi che ci riprova in due circostanze prima del termine della prima frazione: prima Pissardo blocca, ma sul secondo tentativo, dopo un’azione centrale solitaria, l’attaccante ha trovato il gran gol che rimette in carreggiato il Fiorenzuola. Destro di leggero esterno e pallone in fondo al sacco.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà