Biomasse a Bettola: cittadini contrari. Legambiente:”Progetto insostenibile”

06 Giugno 2013


Centrale a biomasse? No, grazie. A Bettola si stanno muovendo i primi passi per la costituzione di un comitato di cittadini contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse che, secondo il progetto, sorgerebbe in località Boccacci di Roncovero. Dopo il rigetto dell’istanza da parte dell’ufficio ambiente della Provincia per alcune carenze nella documentazione, la ditta dei fratelli Carrara ci riprova e la nuova richiesta è ora al vaglio dell’ente di via Garibaldi.
I cittadini però, nel corso di una movimentata assemblea pubblica, nei giorni scorsi hanno palesato un forte dissenso circa un impianto che sarebbe alimentato da cippato di pioppeti del bacino del Po e che produrrebbe pellet.
“Stanno confondendo l’impianto con l’inceneritore di Piacenza – ha detto Giulio Carrara -: il nostro impianto, oltre a non avere ricaduta alcuna sull’ambiente, rappresenterebbe una grande opportunità per l’economia della valle”.
La reazione dei bettolesi presenti alla riunione ha sorpreso lo stesso imprenditore: “Non pensavo ci fosse una simile sollevazione: si è trattato di una reazione incivile e pretestuosa e, temo, figlia di un’ignoranza di fondo in materia. Inoltre, si tratta di persone che non risiedono nemmeno a Bettola: arrivano a sentenziare in maniera pretestuosa su di un progetto che avrebbe pure ricadute positive a livello occupazionale”.
Fermamente contraria al progetto è Legambiente. La presidentessa dell’associazione, Laura Chiappa, è chiara in merito: ”Si tratta di un impianto che non è minimamente sostenibile – dice l’ambientalista – in quanto non sarebbe sufficiente la legna presente sul territorio provinciale per farlo funzionare: non ci sono garanzie circa il materiale che sarebbe poi oggetto di combustione e quindi delle potenziali emissioni nocive”.
Nel frattempo, i cittadini di Bettola capeggiati da Claudia Magnaschi, hanno intrapreso una raccolta firme e daranno vita ad un Comitato del “no” alla nuova centrale elettrica.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà