Gestiti da un pakistano

Blitz della Finanza in due locali a Castello: scovati 11 lavoratori non in regola

7 giugno 2019

Sei lavoratori completamente “in nero” e cinque irregolari: è il bilancio di un duplice controllo effettuato dai finanzieri della Tenenza di Castel San Giovanni, secondo le direttive del comando provinciale di Piacenza, nei confronti di due esercizi di ristorazione della zona, riconducibili a una persona di nazionalità pakistana.

Nei due locali sono state identificate oltre venti persone intente al lavoro: per sei di loro non c’era alcun  tipo di rapporto contrattuale, per altre cinque, assunte mediante il cosiddetto “contratto intermittente” non era stata fatta la comunicazione preventiva all’ufficio del lavoro, nascondendone di fatto la presenza sul luogo di lavoro. In un caso un lavoratore, anche se formalmente in carico ad uno dei due locali controllati, di fatto lavorava da oltre un mese presso l’altro ristorante-pizzeria come responsabile di sala.

La Guardia di Finanza ha così avviato la procedura di sanzione, che va da un minimo di 1.800 a un massimo di 10.800 euro, oltre alla segnalazione all’Ispettorato nazionale del lavoro.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Val Tidone

NOTIZIE CORRELATE