Tappa storica per Amazon, elette le rsu: Cgil prima. Ottocento votanti

05 Maggio 2021

Le rappresentanze sindacali unitarie entrano per la prima volta in Italia in uno stabilimento Amazon, quello di Castel San Giovanni, dove si sono concluse le prime elezioni delle Rsu. Per i sindacati Filcams Cgil, Ugl, Fisascat Cisl, e Uiltucs Uil, che in Amazon hanno già portato avanti diverse battaglie sindacali, è una “tappa storica”.

I lavoratori che hanno partecipato alla votazione sono stati più di 800, che vuol dire poco meno della metà dei 1.650 dipendenti fissi del colosso del commercio on line.

“In questo modo – fanno sapere Filcams Cgil, Fisascat Cisl, e Uiltucs Uil – hanno manifestato volontà di partecipazione attiva alla vita e alle decisioni del sindacato”.

“I lavoratori – aggiunge il segretario provinciale di Ugl Pino De Rosa – hanno ribadito che il confronto vero, libero e concreto passa attraverso la rappresentanza sindacale”.

I rappresentanti più votati sono stati quelli in quota Filcams Cgil che hanno ricevuto 361 voti, pari al 46,1% delle preferenze (6 seggi). A seguire Ugl con 265 preferenze, pari al 33,8% dei voti (4 seggi). I delegati di Fisascat Cisl hanno ricevuto 97 voti, pari al 12,4% delle preferenze (1 seggio). Uiltucs Uil 60 voti pari al 7,7% di preferenze (1 seggio). Le schede bianche e nulle sono state 32, per un totale di 815 schede.

Esulta il segretario generale della Filcams Cgil Emilia-Romagna Paolo Montalti. “Le lavoratrici e i lavoratori di Amazon – dice – su un totale di 12 seggi, hanno eletto sei delegati iscritti al nostro sindacato, che risulta così essere il primo dello stabilimento di Castel San Giovanni. Per Paolo Capone, segretario generale Ugl “è un risultato importante, siamo in prima linea nell’interpretare le istanze di un mondo del lavoro che cambia”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà