Un viaggio nel vortice dei sentimenti con l’Otello di Preziosi al Val Tidone Festival

20 Luglio 2022

Recensione di Pietro Corvi, foto di Massimo Bersani

Denso, amaro e avviluppante è l’”Otello dalla parte di Cassio” portato in scena nella serata di martedì 19 luglio da Alessandro Preziosi al Val Tidone Festival, nel sempre superbo contesto del giardino di Villa Marchesi a Gragnano.

In scena, la cattiveria e la violenza che scaturisce dalla gelosia, dalla diversità vissuta come inadeguatezza, con senso di inferiorità. Una rilettura pregnante e presente della celeberrima tragedia scespiriana che, grazie anche all’eloquente fisicità e alle modulazioni vocali di Preziosi, scava nelle speculari psicologie del Moro e di Iago, nei rapporti tra i personaggi e in quel che resta della vicenda, il sacrificio dell’innocente Desdemona e il fardello con cui Cassio, colui che resta, dovrà fare i conti per il resto dei suoi giorni.

Un’intuizione, dal testo del drammaturgo di fiducia di Preziosi, Tommaso Mattei, che sposta il punto di osservazione e che grazie alla simbiosi tra parole e musica, compenetrate sino a comporre un’unica drammaturgia, svela antri, cupezze e dolcezze inedite. Questo grazie al lavoro svolto dall’amatissimo attore napoletano insieme al pregevole pianista Carlo Guaitoli, tocco sopraffino – anche agli effetti e all’elettronica – capace di spaziare tra stili ed epoche molto diverse per offrire, ai personaggi e alle situazioni, qualità cromatiche, emotive e caratterizzazioni di forte intensità.

Non solo le note filologiche di Verdi e di Rossini per corroborare questo dramma di oscuri sentimenti che consumano gli individui. Da Keit Jarrett a “Teardrop” dei Massive Attack, sino al gran finale cantato da Preziosi con notevole trasporto, intonazione e sfumature soul affidato ad un successo contemporaneo come “Solid ground” di Michael Kiwanuka.

Alla fine applausi scroscianti e un bagno di folla per Preziosi, preso come sempre d’assalto soprattutto dall’altra metà del cielo generoso nel donare autografi, foto ricordo e umano calore.

Prossimo appuntamento del Val Tidone Festival: domenica 24 luglio in Piazza dei Tigli a Piozzano con Iguazù Acoustic Trio e la voce di Paola Folli.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà