Fuga di monossido, famiglia in ospedale. Intossicato anche un bambino

21 Dicembre 2020

Gli infermieri del 118 sono accorsi in un’abitazione per un malore che aveva colto un bambino di pochi anni e non appena hanno messo piede nell’appartamento, l’apparecchio per la rilevazione del monossido di carbonio ha cominciato a suonare. E’ accaduto in serata in via Quaglia, fra via Conciliazione e via Farnesiana. Un’intera famiglia composta da quattro persone è stata portata all’ospedale. Il più grave è parso il bambino che ha perso conoscenza, ma fortunatamente si è subito ripreso ed è stato giudicato fuori pericolo. Sul posto un’automedica del 118, un’autoambulanza della Croce Rossa e l’autoambulanza della pubblica di Lugagnano che si trovava in città per altri servizi e che è stata dirottata in via Quaglia. Sono intervenuti anche gli agenti della volante di polizia per i rilievi del caso e i carabinieri, oltre ad una squadra dei vigili del fuoco. All’origine della fuga di monossido pare vi sia un malfunzionamento della caldaia.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà