Ictus, la prevenzione scende in piazza a Castelsangiovanni

19 ottobre 2012

Il 21 ottobre screening per sensibilizzare la cittadinanza sui fattori di rischio legati alle patologie vascolari di tipo neurologico.

La prevenzione scende in piazza per prevenire l’ictus cerebrale. Domenica 21 ottobre l’associazione che in Italia si occupa della lotta contro l’ictus
(Alice) organizza uno screening a Castelsangiovanni: l’obiettivo è quello di sensibilizzare la cittadinanza sui fattori di rischio legati alle patologie vascolari di tipo neurologico.

Dalle ore 8.30 alle 13, i cittadini potranno sottoporsi a una prova gratuita del rischio cerebrovascolare e al controllo della pressione arteriosa, del colesterolo e della glicemia.

In piazza Casaroli, sarà presente il personale del reparto di Neurologia dell’ospedale di Piacenza insieme ai colleghi di Anestesia e rianimazione e Medicina di Castelsangiovanni. Il Comune ha dato il patrocinio alla manifestazione, riconoscendone il valore di prevenzione. A fianco di medici e infermieri, ci saranno i volontari di Alice e della Croce Rossa, che collabora all’iniziativa.

Solo in casi selezionati, ove lo ritengano opportuno, gli specialisti potranno utilizzare anche il doppler per un esame dei tronchi sovra-aortici.

La necessità di accedere i riflettori sull’ictus è dettata dalle cifre che caratterizzano la patologia: a Piacenza si registrano circa 500 casi di ictus all’anno. “L’ictus cerebrale – sottolinea Donata Guidetti, primario di Neurologia all’ospedale di Piacenza e presidente di Alice – è la prima causa di disabilità nell’adulto, la seconda di mortalità e di demenza dopo l’Alzheimer. Si tratta inoltre di un problema in aumento, che cresce in funzione dell’invecchiamento della popolazione”. L’impegno dei sanitari, oltre che per la presa in carico dei pazienti, è quindi rivolto alla
prevenzione: “Domenica sarà l’occasione per porre l’attenzione sui fattori di rischio: ipertensione, diabete, ipercolesterolemia e stili di vita non corretti”. L’associazione Alice, con questa e con altre iniziative, cerca di informare la cittadinanza. Non a caso, la manifestazione si svolge nel cuore della città, per incontrare la gente: “Vogliamo fornire indicazioni chiare sugli stili di vita da adottare e sul controllo dei fattori di rischio”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca