Provincia

Morte di Domenico e Angelo Ferrari, condanna confermata in appello

25 ottobre 2012

Domenico Ferrari nel suo ufficio quando era sindaco di Agazzano

Pena confermata per Alessandro Giobbi, l’istruttore subacqueo che il 24 luglio 2010 aveva accompagnato l’ex sindaco di Agazzano Domenico Ferrari e il figlio Angelo di 17 anni in una tragica immersione nella grotta di San Giorgio, a Portofino.
La Corte di Appello di Genova ha ribadito in toto la sentenza emessa lo scorso mese di marzo dal Gip di Chiavari Mauro Amisano, che aveva condannato il sub a un anno e otto mesi (pena sospesa) e a un risarcimento complessivo di un milione e 200mila a favore della famiglia degli scomparsi. Anche il giudice di secondo grado ha ritenuto Giobbi responsabile, sostenendo che la guida dell’European Diving Center di Santa Margherita Ligure non avrebbe dovuto portare padre e figlio in quella grotta, viste le condizioni meteo particolarmente avverse.
Resta quindi la condanna a un anno e otto mesi per l’istruttore, il quale dovrà anche risarcire i familiari (moglie e altri due figli di Ferrari) con una provvisionale di 400mila euro a testa, in attesa che il tribunale civile quantifichi l’entità esatta del risarcimento anche all’altra parte civile, ovvero al comune di Agazzano, difeso dall’avvocato piacentino Flavio Antelmi.
Il procedimento non è ancora definitivamente concluso, perché Giobbi può ancora ricorrere alla Cassazione.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia Video Gallery