Studenti dell’Università di Brescia in visita alla diga di Mignano

15 novembre 2012

Una delegazione di circa quaranta studenti del V anno del corso di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio e Ambiente dell’Università degli Studi di Brescia hanno visitato la diga di Mignano accompagnati dai tecnici del Consorzio di Bonifica di Piacenza, dal progettista e direttore dei lavori di ristrutturazione, ing. Marco Belicchi dello Studio Maione, e dal professore Roberto Ranzi.

La visita a tale impianto costituisce parte integrante del percorso formativo degli studenti della facoltà di Ingegneria, ed in particolar modo per coloro che hanno inserito nel proprio curriculum di studi, gli esami di “specializzazione” idraulica.

“Queste piccole iniziative sono volute per una corretta ed efficace valorizzazione turistica della vallata che ha nella Diga di Mignano uno tra i principali punti di attrazione tenuto conto sia della particolare tipologia costruttiva sia del lago formato da tale opera idraulica in un suggestivo contesto ambientale”,  afferma Fausto Zermani, presidente del Consorzio.

«Il nostro Consorzio – spiega il tecnico del Consorzio Angelo Mussi – punta a far conoscere le proprie opere sul territorio. In particolare qui alla diga di Mignano è stato realizzato un imponente intervento di adeguamento e ammodernamento, che ha visto un investimento di nove milioni di euro dal Ministero dell’Agricoltura. Lo sbarramento della Val d’Arda è uno dei primi in tutta Italia ad essere stato adeguato alle norme tecniche di tipo idraulico: sono stati potenziati gli scarichi della diga e realizzata un’opera di dissipazione dell’energia cinetica ai piedi della diga, per far fronte a eventi di piena particolarmente critici».

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca