“Il vino oltre la crisi”, quali opportunità per il mercato? Se ne parla a Borgonovo

21 novembre 2012

“Il vino si fa con l’uva prodotta in vigna e trasformata nella cantina e va eventualmente invecchiato secondo precise regole e non si ottiene certo con le bustine in polvere dalle quali si realizzano miscugli che non hanno neanche il diritto di chiamarsi con il nome del nettare di bacco” ha sottolineato il presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi. “Infatti per questo abbiamo chiesto alle autorità nazionali di intervenire immediatamente anche attraverso l’Unione Europea per fermare uno scempio intollerabile che mette a rischio con l’inganno l’immagine e la credibilità dei nostri vini più prestigiosi conquistata nel tempo grazie agli sforzi fatti per la valorizzazione di un prodotto che esprime qualità, tradizione, cultura e territorio”. Uno scandalo che come Coldiretti abbiamo provveduto a denunciare sia attraverso gli organi di stampa, sia nelle sedi opportune e l’Unione Europea ha già dichiarato di essere pronta a ritirare dal mercato i wine kit.

Questo sarà uno degli argomenti che verrà affrontato nell’appuntamento organizzato da Coldiretti Piacenza e Campagna Amica in collaborazione con il Consorzio Vini Doc Colli Piacentini e il Consorzio Agrario di Piacenza. La tavola rotonda sarà l’occasione per fare un’analisi dei mercati attuali e delle richieste del consumatore; ma anche per portare esempi virtuosi di realtà che in altre zone hanno contribuito a promuovere il prodotto oltreconfine; inoltre al centro del dibattito “le opportunità” che può offrire questa crisi e gli strumenti necessari per affrontare un mercato in continua evoluzione. Sicuramente il vino è uno dei prodotto che per eccellenza racchiude tutti quei valori immateriali, come la cultura dei territori, la tipicità, la creatività e la tradizione che il nostro mondo ha provveduto a riempire di contenuti.

L’appuntamento di venerdì 23 novembre è alle ore 10 presso la Rocca Municipale di Borgonovo, sarà moderato dalla responsabile di Telelibertà Nicoletta Bracchi. Dopo l’open speech di apertura a cura Daniele Fornari dell’Università Cattolica di Piacenza, la tavola rotonda con Denis Pantini di Nomisma, Rolando Manfredini della Confederazione Nazionale Coldiretti e Roberto Miravalle presidente del Consorzio Vini Doc Colli Piacentini.

Le conclusioni della tavola rotonda saranno affidate al vice presidente nazionale di Coldiretti Mauro Tonello.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca