Gli amministratori renziani incontrano gli imprenditori locali

22 novembre 2012

Far ripartire l’Italia mettendo nelle condizioni di operare serenamente chi ha idee e professionalità necessari al rilancio del Paese: le imprese.

Nel corso del confronto, è apparso evidente come le imprese faticano a percepire i benefici in termini di innovazioni reali. Burocrazia, energia, permessi e autorizzazioni, costi dei servizi, fisco, credito sono i nodi strutturali del sistema Italia che non sono stati ancora intaccati. Da qui gli amministratori sostenitori di Renzi sono partiti per un contributo a sostegno del cambiamento.

Molti i punti per migliorare le condizioni delle imprese italiane, si va dalla stretta creditizia, che costringe  le Pmi a pagare circa quattro decimi di punto percentuale in più rispetto alla media europea, alla riforma dei sussidi alle imprese.

Una riflessione a parte è stata dedicata al tema alimentare, di cui è emersa la necessità di ribadire il ruolo preminente dell’Italia, che può far leva su produzioni tipiche (Doc, Dop, Igp…), presenza sul territorio dell’Efsa e di diversi centri di ricerca internazionali e sull’appuntamento dell’Expo 2015.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca