Artigiano accusato di spaccio patteggia due anni e otto mesi

23 novembre 2012

Un artigiano di Piacenza, accusato di spaccio di cocaina, davanti al Giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Bersani, ha patteggiato due anni e otto mesi dopo che qualche giorno fa era stato arrestato nel suo capannone dagli uomini del Nucleo investigativo dei Carabinieri, guidati dal capitano Rocco Papaleo.

L’indagine è partita dopo aver notato alcuni comportamenti sospetti dell’artigiano; durante una perquisizione nel capannone dell’artigiano 47enne Marco Mazzi, i carabinieri hanno trovato circa un etto di cocaina con sostanza da taglio e un bilancino.

Ne è seguito l’arresto. La procura ha ottenuto dal giudice che l’artigiano sia giudicato con il rito immediato. L’avvocato Solari ha ottenuto il patteggiamento, ottenendo uno sconto pari ad un terzo della pena. Accusa e difesa si sono accordate per una pena di due anni e otto mesi ed una multa di dodicimila euro.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca