Approvato il bilancio di previsione 2013 del Consorzio di Bonifica

4 dicembre 2012

Dall’approvato bilancio di previsione del Consorzio di Bonifica emerge la valorizzazione di tutti i settori interessati dal Consorzio stesso: la pianura, la montagna e l’irrigazione.

Per quanto riguarda la bonifica di pianura, si sottolinea che i fondi stanziati per l’esercizio finanziario 2013 consentiranno di fornire adeguate risposte in termini di manutenzione ed esercizio sia agli impianti idrovori di Finarda, Armalunga, Casino Boschi, Fossadello e Zerbio, sia del reticolo idraulico artificiale che costituisce l’elemento essenziale volto a garantire la sanità idraulica del comprensorio.

Nel settore della montagna, l’azione del Consorzio è volta ad assicurare l’agibilità della viabilità rurale, il cui sviluppo è di circa 120 chilometri, e l’approvvigionamento di acqua potabile alle frazioni più disagiate del territorio. Il Consorzio ha previsto quindi maggiori interventi sia per la sistemazione idrogeologica del territorio sia per interventi sugli acquedotti montani.

Per quanto riguarda l’irrigazione nelle aree irrigue della Val Tidone e della Val d’Arda, per il 2013 si prospetta la promozione, la collaborazione ed il sostegno dei Consorzi di scopo per l’utilizzazione dei fondi messi a disposizione dalla Regione Emilia Romagna nel PSR (Piano di Sviluppo Rurale) 2007-2013 – Misura 125.

Ecco i principali interventi previsti dal Consorzio per l’anno 2013: rifacimento impianto di sollevamento ad uso irriguo di Caramello, in Val Tidone; interventi agli impianti idrovori della Finarda e Armalunga con revisione delle pompe idrovore; intervento di ristrutturazione del magazzino di Borgonovo del Consorzio, per la posa in opera di un centro di telecontrollo degli impianti irrigui presenti in Val Tidone; realizzazione di 2 nuove stazioni di telecontrollo nel comune di Castell’Arquato; potenziamento della rete di canali promiscua nella zona del Basso Piacentino per il miglioramento dello scolo delle acque nelle zone a rischio di allagamento nei periodi piovosi; sostituzione della stazione di telecontrollo di San Nazzaro e delle stazioni periferiche di Caorso, Castelvetro e Monticelli volte al censimento ed al monitoraggio dell’acqua irrigua e manutenzione e potenziamento della rete di condotte irrigue nell’area Val d’Arda.

L’approvato Bilancio di previsione 2013 verrà pubblicato entro pochi giorni all’albo consortile.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca