Bagutti: in cantiere un progetto dance
La crisi? “Il pubblico ha perso il sorriso”

18 Gennaio 2013

Oltre 40 anni di carriera, 240 date all’anno sui palchi nazionali e internazionali e la continua voglia di sperimentare nuovi progetti, da Sanremo alla dance. Sono le caratteristiche dell’orchestra Bagutti, indiscussa campionessa di ballo e musica. La band piacentina ha appena presentato l’ultima fatica, “Emilia vita mia”, un omaggio alla terra devastata dal terremoto e alla sua gente. Il pezzo è stato scartato per il Festival di Sanremo, ma è stato promosso a pieni voti dal pubblico. Franco Bagutti e il figlio Gianmarco ne sono orgogliosi, presto uscirà il videoclip della canzone che onorerà le bellezze del nostro territorio. Il termine “liscio” ormai è vecchio, la loro mission è far ballare e per questo hanno in cantiere anche una collaborazione top secret con un dj di fama mondiale. La crisi c’è e si fa sentire anche nel mondo delle orchestre: molti tendono a improvvisare, si è abbassata la qualità e anche il pubblico è diverso. “Prima arrivava alle serate con il sorriso stampato, ora farlo divertire è più dura”.

E poi c’è Piacenza, una città a cui Bagutti è legato, qui ha festeggiato i 35 e i 40 anni di orchestra di fronte a un Palabanca sold out. Lo scambio però – ci rivela il maestro Franco – non è mai stato alla pari: “E’ una città che dà meno di quel che riceve.”

© Copyright 2021 Editoriale Libertà