Omicidio di Balwinder, secondo gli avvocati difensori ora Kulbir non ricorda nulla

18 Gennaio 2013

OGGI SU LIBERTA’ – Kulbir Singh aveva confessato di avere strangolato la moglie 27enne, Balwinder Kaur, con un foulard, al termine di una lite furibonda scoppiata nella cascina dove vivevano, a Landina Piccola di Baselicaduce, nel comune di Fiorenzuola, il 14 maggio del 2012. Una confessione ripetuta per due volte. Secondo gli avvocati difensori dell’uomo, Mauro Pontini e Wally Salvagnini, oggi il reo confesso avrebbe rimosso il delitto e l’occultamento del cadavere, gettato nelle acque del fiume Po.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà