Alta Valdarda, ventenne violentata da un minore dopo la messa

19 Gennaio 2013

 

La violenza sessuale è avvenuta la notte di Natale. La giovane, residente in un comune dell’alta Valdarda, si era recata nella chiesa del paese e dopo la messa si era fermata a chiacchierare in un bar con alcune amiche. Dopo averle salutate, a tarda notte, si era diretta a piedi, da sola, verso la propria casa. La ventenne avrebbe incontrato il suo aggressore lungo il tragitto; si tratta di un suo conoscente, un minorenne di origine albanese  che l’ha avvicinata con la scusa di volerle augurare buon Natale. Le premesse amichevoli si sono improvvisamente trasformate in violenza: il ragazzo ha condotto la ventenne in un angolo buio, all’aperto e l’ha palpeggiata. La vittima ha tentato di fuggire ma è stata nuovamente trattenuta con la forza dal giovane che è riuscito a infilarle le mani sotto i vestiti e a violare le sue parti intime.

La ventenne è riuscita a trovare il coraggio di parlare con amici e famigliari e ha denunciato l’accaduto ai carabinieri di Fiorenzuola. Le indagini hanno portato la Procura dei minori di Bologna a disporre una misura cautelare per l’aggressore che ieri è stato allontanato dalla propria casa e portato in una comunità nel bolognese. L’accusa di cui dovrà rispondere il minore è per il reato di violenza sessuale aggravata.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà