Provincia: dipendenti “meno malati” ma calano del 5% le presenze in consiglio

20 Gennaio 2013

Cala la partecipazione in consiglio provinciale, ma cresce il dato relativo alle presenze dei dipendenti della Provincia. I giorni di assenza per malattia da maggio a dicembre dei circa 350 dipendenti dell’ente di via Garibaldi sono stati 981. Nel 2011, erano stati 1.402. Diversa la situazione “politica” dell’ente. Se lo scorso anno si era chiuso con una “fedeltà” media dei consiglieri provinciali pari al novanta per cento, il 2012 ha visto i rappresentanti della Provincia partecipare con una media dell’85 per cento in 24 sedute: un calo di cinque punti percentuali. Il presidente della Provincia, Massimo Trespidi, ha partecipato al 75 per cento delle sedute.

Sei i consiglieri sempre presenti: il presidente del consiglio provinciale, Roberto Pasquali, Bruno Ferrari (gruppo misto minoranza), Michele Magnaschi (ex Pdl, ora Fratelli d’Italia), Gianpaolo Maloberti della Lega nord, Giulio Maserati (Udc), Gianpaolo Speroni (gruppo misto minoranza). Coloro che, invece, hanno partecipato al minor numero di sedute sono stati Antonio Quaratino di Nuovo Ulivo (54 per cento) e Gianpaolo Fornasari del PdL (54 per cento). Tra gli otto assessori della giunta provinciale, solo Pier Paolo Gallini è stato sempre presente alle cinquanta sedute convocate. Il più assente del gruppo è stato l’assessore Paolo Passoni (72 per cento).

© Copyright 2021 Editoriale Libertà