Anziani a lezione anti-truffa: “Non ritirate in banca su richiesta di estranei”

23 Gennaio 2013

Anziani piacentini a lezione anti-truffa grazie all’iniziativa di Unicredit, che ha invitato i rappresentanti della polizia e dei carabinieri in Sant’Ilario per spiegare come ci si può difendere dai malintenzionati. Il sindaco Paolo Dosi ha aperto i lavori di fronte a un’affollata platea, poi hanno preso la parola Massimo Tazzioli (direttore commerciale Piacenza dell’istituto di credito), il capitano dei carabinieri Filippo Lo Franco e il dirigente della squadra Mobile della questura Stefano Vernelli. “Purtroppo – hanno spiegato – sono sempre maggiori e differenti le tecniche adottate dai malintenzionati per raggirare i cittadini, in particolare quelli più deboli. Ovviamente il nostro invito è di rivolgersi immediatamente a un parente o alle forze dell’ordine quando si nota qualche comportamento anomalo da parte di chi vi contatta in casa o per strada. Tenendo presente che non c’è alcun motivo valido per cui un estraneo vi possa chiedere di andare in banca e di ritirare in pochi minuti una ingente quantità di denaro”. “A tal proposito – ha aggiunto Tazzioli – Unicredit da anni forma i propri dipendenti di tutta Italia, in modo che sappiano riconoscere prelievi anomali fatti dai clienti: grazie alle nostre segnalazioni sono state sventate molte truffe. Come banca attenta al territorio ci sembrava importante aprire questa nostra esperienza anche ai cittadini, un modo per essere vicini ai piacentini”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà