Pompieri senza gasolio: il 2012 si è chiuso con 230mila euro di debito

25 Gennaio 2013

20130125-071705.jpg

OGGI SU LIBERTÀ – Nelle caserme dei vigili del fuoco di Piacenza, Bobbio e Castelsangiovanni le cisterne del gasolio sono rimaste vuote. E mancano i soldi per riempirle. É l’allarme lanciato dai sindacati: Giovanni Molinaroli della Cgil e Roberto Travaini del Conapo parlano di un “ministero al collasso” e di un sistema contabile fallimentare. “La gestione dei bilanci pubblici non funziona: negli ultimi tre anni – affermano – il passivo é quadruplicato, passando da 40 mila euro a 230 mila, il debito dei pompieri di Piacenza verso i fornitori con cui si é chiuso il 2012.”
La disfatta verrà evitata in corner: ieri sera il Ministero avrebbe dato l’ok per attingere da un fondo scorta di 50 mila euro.
Rappresenta ancora un’incognita intanto il trasferimento dei vigili del fuoco nella nuova sede sulla Valnure che ha sempre più l’aspetto di un fantasma mentre quella attuale in via Dante è alle prese con cedimenti e plafoniere che cadono.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà