Omicidio: la figlia non parla. La famiglia: “Le staremo vicini”

11 Febbraio 2013

20130210-225631.jpg

AGGIORNAMENTO DELLE 18.30 – La famiglia di Maria Cristina Filippini si dice “sconvolta” da quanto accaduto, ma è pronta a stare vicina alla donna che ha confessato l’omicidio della madre novantenne Anna Giuliana Boccenti. “Ovviamente non ce l’aspettavamo – ha detto a Telelibertà Stefania Ferrari, figlia di Maria Cristina e del marito Mauro Ferrari – e siamo rimasti sconvolti da quanto accaduto. Non c’erano segnali che potessero farci immaginare qualcosa di simile. Cercheremo di stare vicino a mia madre”.

AGGIORNAMENTO DELLE 15.30 – Gli avvocati Alessandra Salvadé di Piacenza ed Elena Marzi di Castelsangiovanni hanno assistito Maria Cristina Filippini nell’interrogatorio di garanzia per la convalida dell’arresto della 49enne, detenuta al carcere delle Novate. I due legali sono stati nominati nella tarda mattinata dalla famiglia. Filippini, sentita dal giudice Bersani, si é avvalsa della facoltà di non rispondere. E’ accusata di aver ucciso e rapinato la madre, Anna Giuliana Boccenti di 90 anni, la notte tra il 3 e il 4 febbraio scorsi a Castelsangiovanni. “Avendo già reso una confessione, non c’era nulla da aggiungere”, hanno dichiarato i legali, che ora esamineranno le carte.

AGGIORNAMENTO DELLE 14 – La famiglia di Maria Cristina Filippini  ha nominato un nuovo avvocato per la 49enne accusata dell’omicidio della madre Anna Giuliana Boccenti, trovata senza vita nel letto della sua abitazione lunedì 4 febbraio a Castelsangiovanni. Ad assistere la Filippini nell’interrogatorio per la convalida dell’arresto in corso in questi minuti, è il legale Alessandra Salvadè.

AGGIORNAMENTO DELLE 12.17 – Sarà il Gip Bersani ad eseguire l’interrogatorio di garanzia a Maria Cristina Filippini, la 49enne accusata dell’omicidio della madre Anna Giuliana Boccenti. L’udienza per la convalida dell’arresto e` prevista alle 13.30: la Filippini è difesa dall’avvocato Luca Caputi. Nei prossimi giorni la Procura fornirà i dettagli delle indagini sul caso. Si attendono gli esiti degli accertamenti dei Ris per stabilire se la 49enne abbia agito o meno da sola.

AGGIORNAMENTO DELLE 9.00 – La convalida dell’arresto di Maria Cristina Filippini, arrestata con le accuse di omicidio pluriaggravato e rapina dell’anziana madre, è prevista alle 13.30 di oggi al carcere delle Novate.Intanto manca ancora il nulla osta per i funerali di Anna Giuliana Boccenti, trovata morta nella propria abitazione di Castelsangiovanni, lunedì 4 febbraio.

OMICIDIO CASTELLO: PROSEGUONO GLI ACCERTAMENTI – Dopo l’ammissione del delitto da parte di Maria Cristina Filippini ora si attende che la Procura renda noti i dettagli dell’indagine sull’omicidio e sul movente che avrebbe spinto Maria Cristina Filippini a soffocare la madre, la novantenne Giuliana Boccenti, trovata morta nella propria abitazione di Castelsangiovanni, lunedì 4 febbraio. La Filippini venerdì notte, al termine di un lungo interrogatorio, ha ammesso di fronte agli inquirenti di aver assassinato l’anziana.
Sarebbe stata l’esigenza di denaro, dovuta ad una dipendenza della donna dal gioco d’azzardo, ad aver spinto la 48enne ad uccidere la madre e a derubarla di una collana, rivenduta ad un compro oro del paese per 280 euro.
Maria Cristina Filippini si trova ora al carcere delle Novate e deve rispondere delle accuse di omicidio pluriaggravato e rapina. Avrebbe raccontato di aver agito sulla spinta di un raptus incontrollabile.
Proseguono gli accertamenti per far luce su tutte le dinamiche dell’omicidio e per capire se la donna ha agito da sola o è stata aiutata da altre persone.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà