Atleti disabili si alleneranno alla Vittorino Da Feltre: siglato l’accordo con il Cip

14 Febbraio 2013

Una società sportiva sempre più moderna e senza barriere architettoniche, per permettere anche agli atleti diversamente abili di praticare sport.
Nasce in quest’ottica il rapporto di collaborazione tra Società Canottieri Vittorino da Feltre e Comitato Italiano Paralimpico, un rapporto tenuto a battesimo dal presidente della sodalizio biancorosso Sandro Fabbri, dal delegato provinciale del Cip, Franco Paratici, dal responsabile tecnico del settore nuoto Gianni Ponzanibbio e dal tecnico del Cip, Andrea Alborghetti.
“La nostra società – sottolinea Fabbri – è sempre disponibile ad assecondare le esigenze del mondo sportivo in tutte le sue componenti e siamo lieti, nello spirito che caratterizza il nostro consiglio direttivo, di poter collaborare con il Cip mettendo a disposizione le nostre strutture sportive continuando a garantire le esigenze dei nostri soci”.
Nuoto, tennis e canottaggio le discipline sportive che gli atleti diversamente abili seguiti dal Cip, anche se non soci della Vittorino, potranno praticare d’ora in poi negli impianti della società biancorossa.
“Per il Cip – precisa Paratici – è fondamentale poter contare su un numero sempre più ampio di strutture sportive in grado di accogliere i propri atleti. L’esempio della Vittorino è importante e mi auguro possa fare proseliti nella nostra provincia per allargare ulteriormente il bacino di impianti sportivi in grado di accoglierci. Gli atleti saranno guidati dai tecnici abilitati dal Cip, Andrea Alborghetti e Franco Canderle, e grazie alle strutture della Vittorino sarà possibile far svolgere attività sportiva non solo a chi ha disabilità fisiche ma anche ad atleti con disabilità intellettivo-relazionali”.
Mentre il mondo sportivo sta vivendo un’importante fase di cambiamento, con la creazione all’interno delle singole Federazioni Sportive di apposite Federazioni per l’attività degli atleti diversamente abili, Vittorino da Feltre e Comitato Paralimpico della nostra provincia hanno già trovato la strada giusta da seguire.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà