Omicidio di Castello: il parroco incontra le nipoti della vittima

14 Febbraio 2013

Omicidio Castelsangiovanni – Ris al lavoro

Il parroco di Castelsangiovanni, don Ferrari, ha incontrato le giovani figlie di Maria Cristina Filippini, la 48enne che ha confessato di aver soffocato l’anziana madre, Anna Giuliana Boccenti, trovata morta nel proprio appartamento la mattina del 4 febbraio. Sul contenuto del colloquio don Lino Ferrari non si esprime ma è stato lui stesso a chiedere un incontro con le ragazze per offrire loro qualche parola di conforto e di speranza. Il parroco e le nipoti dell’anziana uccisa hanno stabilito che prima delle esequie di Anna Giuliana, i parenti e la comunità tutta si ritroveranno nella chiesa del paese per un momento di preghiera. Per fissare la data dei funerali si attende il nulla osta della Procura di Piacenza. Gli avvocati difensori della Filippini, Alessandra Salvadè ed Elena Marzi, stanno acquisendo i primi elementi sul caso e nei prossimi giorni incontreranno nuovamente la loro assistita, rinchiusa al carcere delle Novate e accusata di omicidio pluriaggravato e rapina.
Nel frattempo emergono nuovi dettagli dall’interrogatorio di Maria Cristina Filippini. Secondo quanto riferito agli inquirenti, le due donne avrebbero avuto una lite il pomeriggio prima dell’omicidio. La domenica, giorno libero della badante, l’anziana veniva accudita dalla figlia. Banali diverbi sulla gestione della casa ma anche accuse e insulti avrebbero indotto la Filippini a tornare dalla madre la sera per un chiarimento. Ma quella notte la discussione è finita in tragedia. I carabinieri continuano le indagini per capire se la donna abbia agito da sola o con un complice.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà