Premio sussidiarità Padre Gherardo, c’è tempo fino al 28 febbraio

20 Febbraio 2013

Manca una settimana alla chiusura del bando del Premio Sussidiarietà Padre Gherardo, voluta dall’Amministrazione provinciale e promossa insieme alla Fondazione di Piacenza e Vigevano e alla Banca di Piacenza e con la collaborazione della Fondazione e dalla cooperativa “Casa del Fanciullo”, del vescovo della Diocesi di Piacenza, del prefetto e del presidente dell’associazione nazionale Alpini – sezione di Piacenza.

C’è tempo fino a giovedì 28 febbraio per presentare le candidature al Premio. Il bando è disponibile sul sito della Provincia di Piacenza con le schede di partecipazione (scheda di autocandidatura e scheda di segnalazione). Il premio consiste in due riconoscimenti: una somma in denaro (10mila euro) destinata a realtà pubblica o privata e un’effigie scultorea, realizzata dallo scultore Perotti e rappresentante Padre Gherardo, destinata alla singola persona. Il Premio è riservato a realtà e persone ritenute particolarmente meritevoli, operanti nel territorio piacentino, la cui attività sia caratterizzata dalla concreta realizzazione del principio di sussidiarietà, distinguendosi, in particolare, per iniziative nell’area educativa e della solidarietà sociale.
La domanda per le autocandidature  dovrà essere indirizzata all’attenzione della Commissione Premio Sussidiarietà “Padre Gherardo”, insediata presso la Provincia di Piacenza (per informazioni è possibile contattare l’indirizzo mail [email protected]). Il Premio verrà consegnato, con un’apposita cerimonia in programma nella sala consiliare della Provincia, il giorno 25 marzo 2013, in occasione della festa dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà