Rivalta, il portone della chiesa tinteggiato di rosso divide il paese

04 Marzo 2013

Alcuni turisti hanno chiesto, scherzando, se Rivalta fosse diventata all’improvviso “giallo-rossa” come la Roma. Il motivo è in un recente intervento di restauro di parte della facciata della chiesa di San Martino nello storico borgo, scelto addirittura per le vacanze della principessa Margaret d’Inghilterra, dal 1987 fino al 2000. «Quel povero San Martino, sopra al portone della chiesa, è stato tinteggiato di rosso, mentre l’ingresso adesso è giallo limone, quasi fosforescente» sbotta il conte Orazio Zanardi Landi. Venerdì uno staff di tecnici della Soprintendenza regionale ha effettuato con urgenza un sopralluogo nel borgo, uno dei gioielli del ducato di Parma e Piacenza, per verificare anche le condizioni della facciata della chiesa. Ma il parroco di Rivalta, don Francesco Cattadori, dice che la Soprintendenza avrebbe già fermato i malumori e non vi sarebbe nulla da temere. «Il problema non è affatto il giallo o il rosso – chiarisce – ma i mattoncini che circondano il portone. Secondo la Soprintendenza, infatti, questi andrebbero riportati allo stato il più possibile originale, attraverso un intervento preciso e tecnico. Con il sole e la primavera, i colori sbiadiranno, indubbiamente. Per quanto riguarda il San Martino “rosso” è stato semplicemente lavato, non ritinteggiato». I residenti del borgo sono divisi.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà