In 10 anni, 8 atleti salvati dal defibrillatore. Progetto Vita lancia la raccolta fondi

5 marzo 2013

Negli ultimi dieci anni nella provincia di Piacenza si sono verificati 17 arresti cardiaci in impianti sportivi. Nove di questi casi sono stati trattati immediatamente con un defibrillatore e otto sono stati salvati. Soltanto due vite sono invece state salvate negli otto arresti cardiaci che si sono verificati nelle strutture dove mancava un defibrillatore pronto all’uso. Attualmente il dispositivo salvavita manca in 12 dei 33 impianti cittadini e in 190 dei 250 della provincia. Per questo Progetto Vita lancia dalla sede della Provincia una nuova sfida per rendere Piacenza la prima città europea con tutte le strutture sportive cardioprotette. Parte una raccolta fondi con una lavagna da esporre nelle palestre e nelle società per toccare la sensibilità di chi ama lo sport.  Servono 2.000 euro per ogni dispositivo, per il corso e la manutenzione. E già nei prossimi giorni verranno consegnati 5 defibrillatori al comune di Piacenza.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE