Rapina alla Cariparma di Castelvetro. Nel bottino 50mila euro

08 Marzo 2013

AGGIORNAMENTO DELLE 13.00 – Era un colpo studiato nei minimi dettagli quello messo a segno questa mattina alla filiale della Cariparma di Castelvetro piacentino. All’orario di apertura della banca, alle 8, due malviventi hanno fatto irruzione armati di taglierino e con il volto coperto. Hanno chiuso i tre dipendenti nel bagno e sulla porta d’ingresso hanno appeso un cartello con scritto “chiuso per problemi tecnici”. Un espediente che ha consentito loro di attendere all’interno l’apertura della cassaforte a tempo. Quando il sistema si è sbloccato, dopo circa un’ora, i due banditi hanno portato via il denaro, circa 50mila euro e sono fuggiti a piedi. Del caso si stanno occupando i carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola e quelli del Nucleo Investigativo.

NOTIZIA DELLE 10.00 – Armati di taglierino rapinano la Cariparma di Castelvetro – La filiale della Cariparma di Castelvetro era in fase di apertura, questa mattina alle 8.30,  quando due uomini incappucciati e armati di cutter hanno fatto irruzione chiedendo ai dipendenti il denaro contenuto nelle casse. Secondo le testimonianze, i due banditi sarebbero italiani. Il colpo è stato fulmineo e i due si sono allontanati a piedi. I carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola e quelli del Nucleo investigativo hanno avviato le indagini del caso.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà